Home / Comunicati Stampa / Presidio Vigili del Fuoco: i nostri dubbi

Presidio Vigili del Fuoco: i nostri dubbi

Caserma Vigili del Fuoco C_Lago 620
Dal 13 al 31 agosto è attivo a Castiglione del Lago un presidio estivo dei vigili del fuoco grazie ad una convenzione recentemente approvata in consiglio comunale, tra il Comune, i Vigili del Fuoco e la Provincia che prevederà anche un distaccamento volontario permanente.

Un presidio dei VV. FF. nel nostro paese è senz’altro utile, ma la prima criticità dell’accordo sta secondo noi nella localizzazione: l’edificio rosso presso l’area ex Club velico, in parte occupato dalla Polizia provinciale.

Siamo davanti al lago, in una zona residenziale e a forte vocazione turistica. Il tratto fa parte di quella passeggiata che permette di godere della veduta del Trasimeno e del paese e che è uno degli elementi più salienti della nostra offerta turistica. In un tale contesto la struttura prescelta per il presidio dovrebbe invece essere, secondo noi, destinata ad un’attività più qualificante, legata al turismo e ai servizi.

L’edificio andrà non soltanto completato, stando al testo della convenzione di concerto tra Vigili del fuoco e Comune, ma anche ampliato: si dovrà realizzare una rimessa per gli automezzi e le attrezzature dei VV. FF. Il progetto della nuova struttura, però, non ci è stato fornito e a quello che ci hanno comunicato proprio non esiste. Ancora una volta si decide su un’opera senza avere la minima idea di come verrà realizzata (vedi anche le scale mobili e l’ascensore tanto cari alla Giunta Batino).

In Commissione abbiamo chiesto di prendere in considerazione una localizzazione alternativa: il nostro Comune ha diverse proprietà che secondo noi si prestano meglio a tale funzione; tra queste i capannoni della ex-Valtrasimeno (ex-pomodoraia) e l’area dei magazzini comunali (ex mattatoio, di fronte al Centro Commerciale Agilla). Le due strutture hanno tra l’altro le coperture in amianto e la loro riqualificazione potrebbe inserirsi in un progetto di bonifica, che, partito con un censimento di tutti i tetti in amianto, potrebbe accedere a forme di finanziamento come per es. fondi Inail e fondi comunitari. Abbiamo dato al Sindaco, come Movimento 5 Stelle, la nostra disponibilità a lavorare da subito a tale progetto.

La risposta del Sindaco è stata: “i Vigili del fuoco vogliono quel posto [e non altri]!”.
Possibile che un Comune e la sua Amministrazione non abbiano alcuna capacità (o volontà?) di contrattazione in una scelta così importante?

La seconda criticità sta nella fragilità della Convenzione. Da un lato, i Vigili del fuoco si impegnano soltanto “in parola” (nel testo dell’Accordo sta scritto proprio così!) a fornire il personale di servizio nel presidio; dall’altro, parte dei soldi per i lavori di sistemazione dell’edificio, ca. 75.000 euro, dovranno arrivare dalla Provincia. Eppure il nuovo Presidente provinciale, Mismetti, aveva già dichiarato “… ad oggi, non siamo in grado di garantire i servizi essenziali, a cominciare dai riscaldamenti nelle scuole o la manutenzione delle strade”. Si potranno tenere le scuole al freddo e spendere per la “casetta rossa” castiglionese?

Convenzione Distaccamento Vigili del Fuoco – C.Lago
LEGGI IL TESTO DELLA CONVENZIONE E FATTI LA TUA IDEA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*