Home / Comunicati Stampa / L’insostenibile leggerezza dell’amministrazione Batino

L’insostenibile leggerezza dell’amministrazione Batino

confused castiglione
Il Movimento cinque stelle denuncia l’atteggiamento superficiale dell’amministrazione castiglionese che calendarizza un consiglio comunale il giovedì 27 alle 18:00 e riempie i tre giorni precedenti con una conferenza dei capigruppo e ben tre commissioni di cui una, quella di lunedì 24 sulle variazioni di bilancio, è stata comunicata venerdì 21 alle 19:40 con invio dei documenti completi sabato 22. Questo dopo che per un mese, dall’ultimo consiglio comunale del 23 ottobre, nulla si è mosso. Per martedì 25 in solo un’ora e mezza (dalle 17:00 alle 18:30) sono invece previste la conferenza dei capigruppo e due commissioni, lavori pubblici e urbanistica.

Da questa confusione nell’organizzare i lavori del consiglio e delle commissioni emerge che:

– l’amministrazione non è in grado di pianificare i tempi dell’agire politico, programmazione che sarebbe invece necessaria per il buon governo del paese;

– l’amministrazione riduce spesso le commissioni a luoghi di annuncio delle decisioni prese in giunta, mancando di fatto i tempi per una discussione costruttiva con le opposizioni;

– l’amministrazione pensa che prendere il 57% dei voti significhi gestire la cosa pubblica in autonomia, con disprezzo delle minoranze;

– l’amministrazione, abituata forse a impieghi pubblici e a vivere di politica, non sa che non tutti hanno la possibilità di organizzare il proprio lavoro da un giorno all’altro e liberarsi dagli impegni per tre giorni consecutivi prima delle sei e addirittura delle cinque di pomeriggio.

Già precedentemente il M5s aveva contestato questo modo di gestire commissioni e assemblee consiliari, che è evidentemente caratteristico di quest’amministrazione vista la sua reiterazione, presentando anche una pregiudiziale all’approvazione del bilancio in data 30 settembre 2014.

Nonostante questo, i consiglieri M5s non sono mai mancati né a una commissione né a un consiglio, dove hanno sempre portato le proprie osservazioni e proposte, che come M5s siamo sicuri avrebbero migliorato le decisioni della maggioranza, se solo fossero state prese in considerazione.

In quest’ultima occasione le minoranze (M5S, Forza Italia e Progetto Democratico) si sono mosse compatte e il 24 novembre hanno inviato al Prefetto una diffida alle figure competenti (vedi link) dal proseguire con tale modo di operare e hanno chiesto il ritiro dall’ordine del giorno del consiglio comunale del 27 novembre 2014 dei punti trattati nelle commissioni immediatamente precedenti all’assemblea consiliare.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*