Home / Bilancio e finanza / Imposte 2015: M5S abbandona la seduta consiliare

Imposte 2015: M5S abbandona la seduta consiliare

Targa Sala Consiliare 620
Il giorno 30 luglio si è tenuto il Consiglio Comunale con ODG concernente l’approvazione della IUC e dell’Irpef 2015.

L’argomento evidentemente non doveva essere così importante per l’amministrazione da coinvolgere le minoranze, l’intera documentazione è stata infatti consegnata ancora una volta a poche ore dalla seduta, non solo contravvenendo al regolamento comunale ma anche impedendo alle minoranze di poter svolgere al meglio il proprio operato politico.

Pertanto il M5S con gli altri gruppi di opposizione, dopo aver nuovamente comunicato al Prefetto l’imbarazzante situazione e dopo aver informato la seduta consiliare di questo ennesimo disagio, hanno deciso di uscire dal Consiglio Comunale.

La seduta, senza i gruppi di opposizione, si è svolta regolarmente con le solite metodiche, e anche un po’ annoiate: rituali alzate di mano da parte del gruppo di maggioranza per ogni singolo ODG. Sono state così approvate per la gioia dei cittadini le aliquote fiscali relative a IMU, TARI, TASI e addizionale IRPEF, il tutto contornato da elogi reciproci tra Sindaco, assessori e consiglieri, anche per non aver modificato in aumento le aliquote, molte di queste già al massimo da svariato tempo. Ma l’IMU sui terreni agricoli in verità è stata aumentata: dal 4.60‰ al 7,60‰.

Non poteva certo mancare l’intervento del Sindaco, che con la solita retorica ha puntato il dito contro le minoranze per la mancanza di un operato propositivo e ha parlato addirittura di complotto che tenta di rovesciare la democrazia castiglionese per poi rassicurare concludendo che la maggioranza lo respingerà in ogni modo.

Per fortuna esistono ancora gli eroi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*