Home / Ambiente e rifiuti / Impianto di compostaggio a C.Lago, i dubbi M5s

Impianto di compostaggio a C.Lago, i dubbi M5s

trasimeno_foto_di_giorgio_brusconi

Irrisolti i dubbi del M5S che chiede il rinvio dell’o.d.g.

Martedì 3 marzo il Consiglio comunale è invitato ad esprimersi sulla variante al Piano Regolatore riguardante la costruzione di un centro di compostaggio a Castiglione del Lago, in zona Lacaioli.
Durante la commissione urbanistica del 24 febbraio, il Movimento 5 stelle ha evidenziato quelle che per lui sono alcune criticità del progetto, ha posto alcune circostanziate domande e chiesto una documentazione integrativa. Non sono disponibili, per esempio, le risposte dell’azienda alle prescrizioni dell’Arpa, espresse in sede di Conferenza dei servizi.
Il prossimo Consiglio si dovrà pronunciare su un aspetto tecnico ma è comunque questo l’unico passaggio, nel corso dell’intero iter di approvazione, che coinvolge l’assemblea comunale, quindi anche i gruppi di minoranza, perché il progetto comporta una variante al PRG.
Vista l’importanza dell’opera, un impianto destinato al compostaggio di 33.000 tonnellate annue di rifiuti organici (l’Umbria nel 2013 ha smaltito 99.000 tonnellate di rifiuti organici da raccolta differenziata) e la localizzazione di pregio, a poche centinaia di metri dal lago, il Movimento 5 Stelle chiede di rimandare la discussione del punto all’ordine del giorno in assemblea comunale in attesa di ricevere le risposte ai quesiti e la documentazione richiesta in commissione, e in modo da poter fissare un incontro con i rappresentanti dell’azienda.
Invita inoltre tutta la cittadinanza a partecipare al Consiglio comunale che si terrà martedì 3 alle ore 21 presso la sala del Consiglio.

pulsante scarica e diffondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*