Home / M5SLake / Alta velocità e variante 71

Alta velocità e variante 71

Soccorco Chiesa e strada 630
Ieri, 16 ottobre si è svolta la Conferenza dei Capigruppo Consiliari presso la sala della biblioteca del Comune di Castiglione del Lago.
In breve riassumo i punti principali oggetto di confronto.

NUOVA STAZIONE FERROVIARIA MEDIA-ETRURIA
.
Secondo quanto indicato nella sintesi dei lineamenti programmatico-progettuali del Piano Regionale dei Trasporti della Regione Umbria c’è l’ipotesi di realizzare una nuova stazione per l’alta velocità sul modello della stazione emiliana “Mediopadana”. I sindaci delle aree “papabili” ad ospitare l’infrastruttura, tutti dell’area di centro sinistra-PD, nel pieno spirito di collaborazione rivendicano il loro territorio come il migliore per la costruzione della stazione AC/AV. Peccato che nessuno entri nel merito del progetto. Invece di far fronte comune e richiedere insieme un miglior trasporto locale sull’intera area del Trasimeno e della Valdichiana che non lasci a piedi i molti pendolari e che permetta ai turisti di avere più treni che fermano nella nostra stazione, si persegue la logica che se ci sono dei soldi vanno comunque spesi. Peccato che spesso capita che le risorse non assicurino dei buoni servizi: in questo caso infatti si ‘favorirebbe’ una piccolissima élite di persone che possono permettersi l’alto costo del biglietto. In questa logica il territorio, l’ambiente non vengono presi in considerazione, è solo un questione di logistica. Basterebbe vedere cosa è successo a Reggio Emilia con la nuova stazione per l’alta velocità: una vera cattedrale nel deserto, dove si fermano treni che fanno scendere meno di 50 viaggiatori. Ricordiamoci che i soldi che vengono spesi in questi disastri sono i nostri.

VARIANTE SR 71 DI CASTIGLIONE DEL LAGO.
L’amministrazione ha riferito che la Regione ha inserito due voci all’interno del Piano regionale dei trasporti che riguardano la variante: un primo stralcio Piana-Vitellino da realizzarsi entro il 2018, e un secondo stralcio che chiude la variante da realizzarsi entro il 2024. Per noi del M5S il tracciato è sbagliato. In nessun paese d’Europa si fa una variante che entra dentro il centro abitato. Secondo noi il tracciato dovrebbe essere esterno alle abitazioni e quindi passare al di là della frazione di Soccorso e riallacciarsi all’incrocio dell’Otis Moda oltre la “curva delle patate” dove dovrebbe essere realizzata anche una rotonda per mettere in sicurezza l’incrocio. Se l’amministrazione e le altre due opposizioni pensano che quello approvato sia l’unico tracciato possibile data la mancanza di soldi, noi invece siamo convinti che il tracciato scelto non risolverà il problema dell’inquinamento atmosferico ed acustico ma lo sposterà solo di poco. Abbiamo chiesto invano a tutte le forze politiche di ragionare di nuovo sul tracciato: tutti riconoscono che quello da noi delineato sarebbe migliore, eppure tutti sono decisi ad andare avanti con quello approvato. Perché si deve scegliere sempre la soluzione al ribasso? L’infrastruttura della variante cambierà il volto del nostro paese per sempre. Il tracciato oltre l’abitato avrebbe potuto realizzare anche la chiusura all’espansione edilizia di Castiglione. Non è vero che non ci sono le risorse, basti vedere quante opere inutili e dannose per l’ambiente verranno realizzate anche nella nostra regione: autostrada E45, gasdotto all’interno del nostro appennino altamente sismico… l’elenco sarebbe molto lungo.
Trasporti su gomma e lacuali. L’amministrazione ci ha informato che ci sono dei problemi sugli orari e sulle corse dei pullman aventi destinazione Tavernelle e Tuoro e Passignano. Invece per quanto riguarda la navigazione sul lago l’amministrazione ci ha detto che fra poco verrà rinnovato il contratto di servizio. In entrambi gli argomenti ci siamo resi disponibili a lavorare insieme e a fare fronte comune, come per esempio per far riattivare il trasporto su isola Polvese dal nostro pontile. Lo stesso atteggiamento abbiamo tenuto sull’eventualità di migliorare la viabilità della SR 71: ci riserviamo comunque di vedere e ragionare sul come.

Stefano Bistacchia
Capogruppo M5S Castiglione del Lago

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*