Home / Ambiente e rifiuti / AAA Isola Polvese svendesi?

AAA Isola Polvese svendesi?

Isola Polvese

Il territorio del Trasimeno e le sue oasi, tra cui spicca Isola Polvese, si caratterizzano per l’alto valore naturalistico e paesaggistico, una ricchezza enorme per chi ci vive e vero punto di forza in ambito turistico.

La Provincia intende pubblicare un bando di gara per affidare ad un unico privato la gestione in pratica dell’intera isola, con la possibilità di costruirvi campo da golf, da calcio, da tennis, una piscina, un centro benessere (v. Comunicato “Cittadino e Provincia” 3 aprile 2014) e chi più ne ha più ne metta. La motivazione è la solita: non ci sono soldi!

Il MoVimento 5 Stelle di Castiglione del Lago ritiene questo progetto pericoloso per vari motivi:

–          l’isola è un patrimonio ambientale, come tale va valorizzato, non può essere trasformato per farne la riserva di “turisti del lusso”, il cui interessamento alla zona del Trasimeno è comunque da dimostrare;

–          un bando di questo genere può aprire la strada ad interventi rovinosi per il paesaggio e l’ambiente, in seguito irrecuperabili;

–          rischia inoltre di mettere in discussione la fruibilità dei beni naturali, paesaggistici e culturali dell’isola da parte della popolazione del territorio;

–          il Trasimeno vive di un turismo attratto in gran parte dalle bellezze naturali (cfr. Osservatorio regionale sul turismo), il maquillage prospettato per isola Polvese rischia tagliarla fuori proprio da quel tipo di turismo che è il nostro valore e la nostra prospettiva: conciliare ambiente e turismo è per noi un’assicurazione sulla qualità della vita;

–          il turismo del lusso a cui si aspira con un tale progetto difficilmente potrebbe avere ricadute positive sulle altre attività che nel territorio vivono di turismo (agriturismi, B&B, alberghi, ristoranti, campeggi ecc.).

Il M5S castiglionese ritiene inoltre che sia inaccettabile che di un bene comune, decidano poche persone ignorando completamente le opinioni di chi vive nel territorio, trattando una risorsa di tutti come una proprietà esclusiva di pochissimi. Si chiede inoltre se non sia opportuno da parte della Provincia (ente apparentemente in dismissione), prima di snocciolare cifre decontestualizzate e dire che Isola costa troppo, mostrare i propri bilanci con le voci di spesa ben chiare, in modo che anche i cittadini possano giudicare se è proprio dalla gestione dell’isola che è necessario tagliare.

1 Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*